Difendi i bambini del Mozambico con ICEICampagna di Natale 2016

I tuoi auguri di buone feste per proteggere i bambini del Mozambico dagli effetti del cambiamento climatico

I cambiamenti climatici in Mozambico

La scienza ha dimostrato che i cambiamenti climatici sono il risultato di emissioni di gas serra di origine prevalentemente umana, causati da pratiche agricole non sostenibili, rifiuti e processi industriali in generale. Il loro impatto è amplificato dal degrado di ecosistemi critici e dalla distruzione delle risorse naturali, che sono alla base della sussistenza di molte comunità in Paesi in via di Sviluppo.

Il Mozambico è estremamente esposto agli effetti dei cambiamenti climatici. La sua popolazione, residente soprattutto nelle aree rurali, ha una limitata capacità di adattamento a tali effetti a causa della povertà, degli scarsi investimenti tecnologici e della debolezza delle infrastrutture e dei servizi sociali, specialmente per quanto riguarda alimentazione, accesso all’acqua potabile e ai servizi igienico-sanitari di base.

Una delle principali sfide di ICEI in Mozambico è aumentare la capacità di adattamento della popolazione locale agli effetti dei cambiamenti climatici, in un’ottica di preservazione delle risorse naturali, garantendo il diritto di ogni bambino e adolescente di crescere in un ambiente non contaminato e in grado di fornire risorse rinnovabili per la sussistenza delle generazioni presenti e future.

_dsc7140_low

ICEI in Mozambico

Il progetto ECO-ILHAS, promosso da ICEI in partenariato con WWF Italia e l’ONG locale ORAM, sostiene lo sviluppo socio-economico delle comunità locali nella Provincia di Zambezia, attraverso la protezione dell’ambiente e la promozione intergenerazionale di pratiche sostenibili di pesca e sfruttamento delle risorse naturali.

Nonostante le vaste ricchezze naturali e minerarie, il Mozambico resta uno dei Paesi più poveri e sottosviluppati del mondo, al 180° posto su 188 paesi nella classifica dell’Indice di Sviluppo Umano (dati 2015). Tra il 2015 e il 2016 la situazione, già grave, è ulteriormente peggiorata a causa di siccità e inondazioni in numerose province del Paese e dell’aumento dei prezzi dei beni di prima necessità.

I più esposti ai rischi di questa drammatica situazione sono i bambini, che soffrono spesso di malnutrizione cronica. La mortalità materno-infantile e l’incidenza delle malattie sono altissime: ogni anno muoiono circa 144.000 bambini con meno di 5 anni, per patologie neonatali (29%), polmonite (21%), malaria (19%), diarrea (17%), HIV/AIDS (13%), poiché la copertura sanitaria del Paese è ancora molto bassa.

Nell’arco del progetto (2015-2017) almeno 1.000 bambini e adolescenti potranno beneficiare di un’alimentazione più variata e ricca di nutrienti, di un migliore accesso all’acqua potabile e ai servizi di educazione ambientale. La tutela e ripristino di ecosistemi degradati (mangrovieti, foreste, ecosistemi marino e fluviale) e l’utilizzo di pratiche produttive sostenibili garantirà la preservazione delle risorse naturali (terra, acqua, risorse ittiche), dalle quali dipende la sopravvivenza presente e futura dei bambini e delle loro famiglie.

_dsc6353_low

A Natale sostieni ICEI

Con un piccolo gesto concreto, 10 euro per la nostra cartolina di auguri, ci permetterai di aiutare un maggior numero di bambini e le loro famiglie.

A Natale sostieni ICEI e difendi i bambini della Zambezia in Mozambico, ecco come puoi fare:

  • bonifico bancario intestato a ICEI, presso Banca Popolare Etica IBAN IT23 M050 1801 6000 0000 0103 934
  • assegno a “ICEI – Via Cufra, 29 – 20159 Milano”, specificando la causale
  • carta di credito direttamente via internet
  • Oppure via Paypal compilando il modulo seguente:

Donation Information

I would like to make a donation in the amount of:

€200€100€50€20€10€5Other
I would like to designate this donation to a specific fund

Donor Information

Please do not display my name publicly. I would like to remain anonymous

Donor Address

(optional)

Ricordati di specificare la causale: CAMPAGNA DI NATALE 2016.

Informazioni: comunicazione@icei.it