• it
  • en

FUMETTI, MUSICA E SKATE, NEL SEGNO DELLA MILANO GIOVANE E INTERCULTURALE

Dal 25 al 28 marzo vari spazi di Milano hanno accolto le attività e gli eventi del festival RiGenerazioni, organizzato da ICEI in partenariato con il Comune di Milano e finanziato da Fondazione Cariplo e Fondazione Giulini. Giunto alla terza edizione, il festival dedicato alle seconde generazioni e alle nuove forme di cittadinanza ha visto la partecipazione di molti ragazzi, i veri protagonisti della manifestazione, ma anche di persone di tutte le età.

L’inaugurazione del festival, ospitata dall’ampia sala della Cattedrale della Fabbrica del Vapore mercoledì 25 marzo, è stata affidata al concerto rap “RiGenerazioni Sonore”. Sul palco si sono alternati alcuni fra i nomi più amati della scena hip hop italiana: Dj Tsura, Mistaman, Johnny Marsiglia & Big Joe, Kiave con Rafè. A presentare la serata di fronte a un pubblico molto caloroso sono stati tre giovani conduttori di Radio Popolare, media partner del festival: Zeina e Gasser di Generazione Pop e Matteo di DoppiaAcca.

La giornata del 26 marzo è stata particolarmente significativa, poiché segnata dal conferimento della cittadinanza simbolica a 288 studenti di elementari e medie dell’Istituto comprensivo “Maffucci” del quartiere Dergano. Insieme a ICEI e RiGenerazioni erano presenti il sindaco di Milano Giuliano Pisapia, l’assessore alle Politiche Sociali Pierfrancesco Majorino, l’assessore all’Educazione e Istruzione Francesco Cappelli e la consigliera comunale Paola Bocci, che hanno consegnato ai bambini nati in Italia da genitori stranieri e ai loro compagni italiani l’attestato di cittadinanza simbolica: “Io sono milanese, io sono Italiano/a”. Un momento emozionante e importante allo stesso tempo, nella speranza che il Governo italiano formuli presto una nuova legge sulla cittadinanza.

Nel tardo pomeriggio l’allegra carovana di RiGenerazioni si è spostata alla Cascina Martesana, punto di partenza di un divertente bike-tour nei luoghi della Milano interculturale. Nonostante il maltempo, alcuni temerari ciclisti hanno condiviso un aperitivo mediorientale per poi pedalare lungo il Naviglio Martesana fino alla zona Paolo Sarpi. Fra le tappe del percorso, Cassina de’ Pomm e la sede dell’associazione italo-cineseDiamoci La Mano.

In serata il MIC – Museo Interattivo del Cinema in collaborazione con la Fondazione Cineteca Milano ha ospitato “RiGenerazioni Visive”. Dopo alcune proiezioni d’epoca sulla Milano degli anni Sessanta, il giovane scrittore Antonio Dikele Distefano, italiano di origine angolana, ha presentato il suo libro Fuori piove, dentro pure. Passo a prenderti? e chiacchierato con il pubblico in sala.

Quest’edizione di RiGenerazioni ha cercato di avere un occhio di riguardo per le periferie milanesi, uscendo dai soliti circuiti e scegliendo di organizzare attività diffuse su tutta l’area metropolitana.  La serata di venerdì 27, infatti, si è svolta negli spazi della Biblioteca di Baggio grazie alla collaborazione con Shareradio e CinemAperto. Dopo un abbondante aperitivo, gli speaker di Shareradio hanno condotto in diretta streaming un’intervista al rapper di seconda generazione Zanko El Arabe Blanco, che poi ha improvvisato insieme ad alcuni ragazzi e coinvolto nella performance anche qualche insospettabile frequentatore della biblioteca. Infine, sono state molto apprezzate le proiezioni selezionate da CinemAperto e dal Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina: Zakaria di Leyla Bouzid (Tunisia) e C’est Dimanchedi Samir Guesmi (Algeria/Francia).

La giornata finale del festival, sabato 28 marzo, è stata ricca di eventi in diversi luoghi di Milano. La mattina è cominciata alla Fabbrica del Vapore con il workshop di fumetto curato da Africa e Mediterraneo e Comics for Equality. A guidare i partecipanti nell’espressione della loro creatività, c’era il fumettista Twenty_one Avenue (nome d’arte di Riccardo Rossi). Il gruppo si è confrontato sul tema degli stereotipi e del razzismo e ha prodotto alcuni fumetti, che saranno pubblicati nel catalogo di Comics for Equality.

Nel frattempo, dall’altra parte della città, il Barrio’s diventava il fulcro di molteplici attività per persone di età diverse. Prima i bambini e le bambine dei “Nuclei sperimentali del Sistema delle Orchestre e Cori Giovanili e Infantili in Italia, Lombardia” si sono esibiti di fronte a familiari e amici, poi si sono divertiti a guardare alcuni corti targati Look Around [ in collaborazione con Il razzismo è una brutta storia e a realizzare coloratissime barchette di carta, alle quali affidare i loro pensieri sul razzismo e su Milano. Le stesse barchette sono diventate lo spunto per il doppio spettacolo serale di improvvisazione teatrale della compagnia Teatribù, al Teatro Edi Barrio’s.

Mentre in piazza Donne Partigiane era in corso lo skate contest, seguito in diretta radiofonica da Shareradio e organizzato in collaborazione con Comunità Nuova e Fibol Shop, all’interno del Barrio’s si svolgeva la premiazione del concorso Generazione Creativa, dedicato ai giovani videomaker milanesi dai 16 ai 22 anni.

Chi nel tardo pomeriggio si trovava in piazza Gae Aulenti, invece, ha potuto assistere alla coinvolgente performance di street dance curata dalla compagnia di teatro-danza Fattoria Vittadini[r14] . Improvvisamente, il normale flusso di milanesi e turisti nella modernissima piazza è stato interrotto dall’eterogeneo gruppo di ballerini giovanissimi – quasi tutti di origine straniera – creato per l’occasione: dopo lo stupore inziale, l’esibizione si è trasformata in una bellissima festa e si è conclusa nell’entusiasmo generale.

Sfoglia la gallery.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi

© 2019 ICEI Tutti i diritti riservati. | Via Cufra, 29 Milano 20159 (MI) | Tel.: +39 02 25785763 | info@icei.it | P. IVA 03993400153 | Privacy